Community » Forum » Recensioni

Nemesi
5 1 0
Roth, Philip

Nemesi

Torino : Einaudi, 2011

Abstract: Al centro di "Nemesi" c'è un animatore di campo giochi vigoroso e solerte, Bucky Cantor, lanciatore di giavellotto e sollevatore di pesi ventitreenne che si dedica anima e corpo ai suoi ragazzi e vive con frustrazione l'esclusione dal teatro bellico a fianco dei suoi contemporanei a causa di un difetto della vista. Ponendo l'accento sui dilemmi che dilaniano Cantor e sulla realtà quotidiana cui l'animatore deve far fronte quando nell'estate del 1944 la polio comincia a falcidiare anche il suo campo giochi, Roth ci guida fra le più piccole sfaccettature di ogni emozione che una simile pestilenza può far scaturire: paura, panico, rabbia, confusione, sofferenza e dolore. Spostandosi fra le strade torride e maleodoranti di una Newark sotto assedio e l'immacolato campo estivo per ragazzi di Indian Hill, sulle vette delle Pocono Mountains - la cui "fresca aria montana era monda d'ogni sostanza inquinante" -, "Nemesi" mette in scena un uomo di polso e sani principi che, armato delle migliori intenzioni, combatte la sua guerra privata contro l'epidemia. Roth è di una tenera esattezza nel delineare ogni passaggio della discesa di Cantor verso la catastrofe, e non è meno esatto nel descrivere la condizione infantile.

986 Visite, 1 Messaggi

Il mio primo libro di Philip Roth: devo dire di essere molto soddisfatto di aver scoperto questo autore, pur sapendo fin dall' inizio che questo non é il suo miglior libro pubblicato. 
Il libro l'ho letteralmente divorato. Buono lo stile e di veloce lettura. 
Un romanzo intenso, talvolta amaro e che pone diversi interrogativi, in parcolare sull'origine del male.
Un libro che mi sento di consigliare un po' a tutti.

  • «
  • 1
  • »

2474 Messaggi in 2107 Discussioni di 377 utenti

Attualmente online: Ci sono 29 utenti online