Community » Forum » Recensioni

68 Visite, 1 Messaggi

Gennaio è il mese della Memoria così ho deciso di riprendere una vecchia abitudine abbandonata, quella di leggere libri a tema Olocausto nel mese della memoria. In passato ne ho letti e riletti tanti, famosi e meno ma per questa nuova immersione nelle ombre del passato ho scelto titoli (a me) nuovi. Così eccomi partire con “L’interprete” di Annette Hess.
Siamo a Francoforte ed è il 1963. Eva Bruhns è l’interprete dal polacco scelta per il processo nei confronti del personale di Auschwitz. I genitori e il suo fidanzato le consigliano di rinunciare ma Eva è curiosa, vuole sapere e la sua curiosità vince sui timori e le reticenze e ben presto scoprirà le atrocità di un passato efferato e ancora oggi disdicevole per il genere umano. Che dire? l'ho cominciato ieri e sono già a metà, la scrittura è ipnotica, si passa dalla routin della vita di una giovane ragazza tedesca a pagine che accennano alle atrocità dei lager e del nazismo.. in un'altalena di sensazioni e percezioni continua. . E' carino, consigiato a chi non se la sente di affrontare una biografia o un testo troppo crudo.

  • «
  • 1
  • »

2220 Messaggi in 1875 Discussioni di 350 utenti

Attualmente online: Ci sono 4 utenti online