Community » Forum » Recensioni

Longbourn House
0 1 0
Baker, Jo - Baker, Jo

Longbourn House

Torino : Einaudi, 2014

Abstract: Sarah è a servizio a Longbourn House da quando era bambina, ma non si è ancora rassegnata a certi compiti ingrati quali lavare la biancheria e svuotare i pitali dei signori. Questa pesante routine senza svaghi la opprime: non vuole accontentarsi di mandare avanti la casa d'altri come Mrs Hill, la governante, fa da sempre. Perciò, quando un giorno di settembre Mr Bennet assume a sorpresa un nuovo valletto, la gioia per la novità è grande. James ha il fisico asciutto e gli avambracci scuriti dal sole. Lavora di buon umore, fischiettando, ed è gentile, ma dà poca confidenza. Sembra sapere tante cose, eppure sul suo passato è stranamente vago. Ama i cavalli e dorme nel solaio della stalla: li, su una mensola, ha dei libri e, sotto il letto, una sacca scolorita piena di conchiglie. E un mondo intero quello che apre per Sarah, una nuova geografia di orridi, vallette in fiore e campi di battaglia. Ispirato al non detto di "Orgoglio e pregiudizio", "Longbourn House" ricostruisce con tono brioso la vita della servitù nell'Inghilterra di inizio Ottocento, facendo emergere tra le righe la fatica e le disuguaglianze su cui si reggeva il bel mondo. All'interno di questo affresco storico, che oltre alla campagna dell'Hertfordshire include la Spagna sconvolta dalle guerre napoleoniche e i porti commerciali sull'altra sponda dell'Atlantico, Jo Baker dona pensieri ed emozioni autentici alle ombre che nel celebre romanzo di Jane Austen si limitavano a passare sullo sfondo rapide e silenziose.

31 Visite, 1 Messaggi

C'era una volta la famiglia Bennet: un padre distratto, una madre soffocante e cinque figlie da maritare.
C'era una volta Orgoglio e Pregiudizio.
C'era una volta Longbourn House dove i Bennet vivevano. Qui si racconta in modo brioso la vita della servitù
nell'Inghilterra di fine 700 con tutte le disugualianze su cui si reggeva il mondo di quel tempo con piccoli accenni storici.
Amori, timori, sogni e speranze della servitù dei Bennet quindi.
Con uno stile scorrevole ripercorriamo la trama di Orgoglio e Pregiudizio dall’inizio alla fine, seguendo i passi di Sarah che tra un bucato e l’altro,
trova il tempo per sognare.
Qualcosa che ho amato alla follia di questa storia, è stato conoscere e vedere una Lizzie diversa, più imperfetta di quella che conosciamo di solito;
una Mrs Bennet fragile dietro la sua costante superficialità e un Mr Bennet misterioso e con un passato che per lui non avrei mai immaginato.
Inoltre ho apprezzato moltissimo il tempo che l’autrice ha dedicato ad ognuno dei personaggi in questione, di ognuno è stato fatto conoscere il passato.
Lo consiglio veramente a chi ama le atmosfere austeniane e ha curiosità di scoprire quel periodo storico da un punto di vista diverso.

  • «
  • 1
  • »

2277 Messaggi in 1923 Discussioni di 356 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online