Così crudele è la fine
0 1 0
Libri Moderni

Zilahy, Mirko

Così crudele è la fine

Abstract: In una Roma attraversata da omicidi silenziosi ed enigmatici, che gettano una luce nera sulla città, il commissario Mancini per la prima volta dopo molto tempo accoglie la sfida con nuova determinazione. Perché ora Enrico Mancini non è più l'ombra di se stesso: supportato dalla psichiatra della polizia che l'ha in cura, e affiancato dalla fedele squadra di sempre, si lancia alla ricerca di indizi che gli permettano di elaborare il profilo del killer. Costretto a rincorrere l'assassino passo dopo passo, vittima dopo vittima, tra i vicoli e le rovine della Roma più antica e segreta, il commissario capisce ben presto che il killer è anomalo, sfuggente come un riflesso. E in un gioco di specchi tra presente e passato, tra realtà e illusione, la posta finale non è solo l'identità del serial killer, ma quella dello stesso Mancini.


Titolo e contributi: Così crudele è la fine : romanzo / di Mirko Zilahy

Pubblicazione: Milano : Longanesi, 2018

Descrizione fisica: 418 p. ; 24 cm

Serie: La gaja scienza ; 1281

ISBN: 978-88-304-4691-5

Data:2018

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: La gaja scienza ; 1281

Nomi: (Autore)

Classi: 853.92 NARRATIVA ITALIANA, 2000-

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 8 copie, di cui 1 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Mestrino G 853.92 ZIL MES-26293 Su scaffale Disponibile
Brugine G 853.9 ZIL BRU-17809 Su scaffale Disponibile
Campodarsego G 853 ZIL CAM-31194 In prestito 15/06/2020
Boara Pisani G 853.92 ZIL BOA-8264 Su scaffale Disponibile
Trebaseleghe Bib. Centr. 853.92 ZIL TRE0-30778 Su scaffale Disponibile
Monselice G 853.92 ZIL G MON-40352 Su scaffale Disponibile
Piove di Sacco G 853.92 ZIL PDS-66238 Su scaffale Disponibile
Loreggia Bibl. Centrale 853.92 ZIL LOR0-17275 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Finalmente ho finito questa serie. Ho letto il primo per poter seguire meglio il gruppo di lettura che aveva in oggetto il secondo.
Coi primi due è stato praticamente odio. Troppo crudo e non sopporto il commissario.

Questo è l'ultimo caso che affronteremo con il commissario Mancini (poi anche basta perché d'accordo che di squilibrati è pieno il mondo, ma qui si esagera!). Stavolta Mancini va a caccia di un killer che compie omicidi raffazzonati, ma secondo schemi e motivazioni ben precisi, rivelando di essere un criminale anomalo.
Sarà una sfida impegnativa, però la squadra stavolta collaborerà in gruppo e attivamente perché c'è una novità: Mancini è in cura da una psicologa e sta riemergendo dalle tenebre in cui ha a lungo vissuto.

Si parla di giustizia, realtà e identità. Rimane protagonista Roma, la città eterna, anche in aspetti minori come il campo scellerato, un campo dove venivano eseguite le condanne delle sacerdotesse vergini che tradivano il voto.

Questo volume è nettamente migliore, ma surreale. Ad esempio, viene trattato in maniera superficiale e semplicistica il tema dell'affidamento (anche con qualcuno che oli i meccanismi, certo che una donna single viene accettata nelle richieste con facilità!), ma anche le dinamiche del killer sono anomale e soprattutto le coincidenze narrative sono eccessive e disarmanti.
Mi sembra ci sia stata parecchia fretta a scrivere la serie, ma questo volume risolleva le sorti della trilogia che comunque non mi piace.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.